Ciclabile alla baia: perchè nel prato e perchè sino a metà?

State tranquilli, le panchine della palla faranno la fine dei cordoli in cemento della statale, o delle fontane di P.le Collenuccio, P.le Matteotti, via Nazzario Sauro: spariranno alla chetichella. Il problema grosso, ovvero la grande occasione mancata, è la ciclabile della Baia. Intendiamoci, forse era giusto intervenire, dopo che la ciclabile esistente in via Lungofoglia costata un miliardo di lire a fine anni ’90, finiva nella strettoia di via Parigi.
L’ intervento logico era uno: prolungarla “tirando dritto”, in maniera parallela alla strada, sino al parcheggio asfaltato della Baia ove poi la strada si allarga nuovamente. La prima parte del lavoro fatto è quindi condivisibile. Perché poi aver violato il prato esistente? Fatta quindi la scelta di violare il prato, che senso ha avuto essersi fermati in mezzo al “campo di marte” e non aver proseguito sino alla strada soprastante? Come non aver avuto la sensibilità di usare legno invece del cemento in un contesto ambientale del genere? Perché, visto che si è mangiato mezzo prato, non crederci sino in fondo e non ricongiungersi a viale Varsavia? La ciclabile avrebbe avuto un senso compiuto!
Una volta il prestigio e la forza di una comunità la si misurava anche dall’ampiezza e dalla bellezza delle piazze e degli agorà. Come non pensare al fatto di aver ulteriormente ridotto le dimensioni di un piazzale in riva al mare, con una prospettiva unica, si da diminuire ciclabile baia - Copiadrasticamente la capacità di ospitare eventi e “affollare” inutilmente un paesaggio stupendo, snaturando anche la sua storia?
Destinati ad essere gestiti da approssimativi e dilettanti (si partì almeno dal sindaco “demolitore” Tombesi), assistiamo impotenti a come si stanno bruciando i 30 mln di Euro piovuti dal cielo, in un fango di mediocrità. Pesaro meritava qualcosa di meglio ma il problema è sempre quello: far suonare una brava orchestra è facile, dirigerla è qualcosa di più complicato. Troppo per questa generazione.

Ciclabile alla baia: perchè nel prato e perchè sino a metà?ultima modifica: 2016-05-27T21:15:45+02:00da acaciascarpetti
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.